image image image
Vallejo Balda, santo o criminale? In un giorno non troppo lontano, un cristiano antisemita accusava di deicidio, stoltezza e perfidia un rabbino giusto e saggio.
Hula Hope “Hula Hope, death is a matter of time” è un cortometraggio sci-fi. Il trailer un capolavoro: regia, luci, ombre e musica classica sono così abilmente amalgamate tra loro da riuscire ad incantare e stupire, permettendo allo spettatore di perdersi nel tempo.
Timbutku vince i Cesar Timbuktu del regista africano Abderrahmane Sissako ha trionfato prepotentamente alla quarantesima edizione dei premi César 2015. L'egemonia cinematografica degli Stati Uniti e la relativa cerimonia degli Oscar ha fatto sì che pochi parlassero della Francia. Infatti, per chi non ne fosse a conoscenza, il premio César è il più importante riconoscimento cinematografico francese.

Hula Hope, death is a matter of time” è un cortometraggio sci-fi. Il trailer un capolavoro: regia, luci, ombre e musica classica sono così abilmente amalgamate tra loro da riuscire ad incantare e stupire, permettendo allo spettatore di perdersi nel tempo. Un cortometraggio davvero promettente, che ha bisogno del sostegno della rete per vedere la luce: gli autori di Hula Hope hanno infatti lanciato una campagna crowdfunding sulla celebre piattaforma Indiegogo. Per questo abbiamo deciso di intervistarli:

 

Innanzitutto chi siete e come è nato Hula Hope?

Siamo 3 amici di Roma accomunati dalla passione per cinema, fumetto e serie tv, e ovviamente della fantascienza in generale: Luigi è laureato al Dams di Roma3, Vittorio è diplomato al Act Multimedia e Piero ha frequentato alcuni corsi di sceneggiatura, in particolare quello alla Scuola Romana del Fumetto. L'idea di Hula Hope è nata intorno ai tavoli di un pub nel 2013 ma solo dopo un anno il progetto ha iniziato a prendere vita realmente.

 

Di cosa parla Hula Hope?

Hula Hope è un cortometraggio fantascientifico che mescola due sottogeneri: I viaggi nel tempo e l'ambientazione post-apocalittica. È la storia di un gruppo di mercenari che si ritrova ad attraversare un mondo in rovina per mettere in salvo un dispositivo che permette di viaggiare nel tempo. Parla quindi di Fede e Speranza in un mondo dove, uno strumento come la macchina del tempo, può rappresentare ben più che il semplice ideale di sopravvivenza.

 

Il trailer è davvero ben fatto, quanto tempo ci avete lavorato?

Il trailer è stato il frutto delle nostre disavventure. Per problemi di location ci siamo trovati a non poter girare il cortometraggio l'estate scorsa, e per non buttare all'aria mesi di lavoro abbiamo girato questo teaser/trailer. Le riprese sono durate un giorno e dobbiamo ringraziare moltissimo tutto il cast e la crew, perchè senza il loro impegno ed entusiasmo rispetto al progetto non saremo mai stati in grado di ottenere risultati così soddisfacenti in così poco tempo. Ci è servito per metterci in gioco e capire i nostri limiti e i nostri punti di forza.

 

Quanti sono i costi per un progetto così promettente e ambizioso?

I costi per un cortometraggio del genere sono abbastanza elevati.Oltre ai macchinari, costumi, scenografie e effetti speciali, Indubbiamente sui costi incide la nostra volontà di dare un compenso, anche simbolico a chiunque faccia parte del corto. L'idea è quella di mettere ognuno, dall'attore protagonista allo "schiavo" (per citare Boris) nella migliore condizione per lavorare e dare il massimo per il progetto.

 

Perché avete scelto Indiegogo e il crowdfunding?

Inizialmente non ci piaceva l'idea di chiedere soldi. Avevamo tutti e tre lavorato e messo da parte per finanziarci il progetto. Ma visti i problemi che abbiamo avuto l'estate scorsa ci siamo trovati nella situazione di dover chiedere fondi. Abbiamo fatto richieste ad alcuni enti e scelto il crowdfunding, e in particolare indiegogo, perchè sono strumenti in rapida ascesa (negli Stati Uniti sono moltissimi i progetti che vengono finanziati) e ci sembrava un modo carino per coinvolgere piu' persone possibile facendole sentir parte del progetto e ricompensandole per la loro generosità.

 

In che modo funziona Indiegogo, come supportarvi economicamente?

Per supportarci basta andare alla pagina https://www.indiegogo.com/projects/hula-hope-a-sci-fi-shortmovie/x/9905144 e scegliere una delle donazioni abbinata ad alcune perk ( ricompense). La donazione puo' essere fatta tramite Paypal oppure carta di credito. In realtà per supportarci basta molto meno! Anche solo una condivisione su social come Fb o twitter ci aiuta moltissimo in termini di visibilità.

 

Quali sono le ricompense più gettonate dai vostri donatori?

Stiamo mandando in stampa delle magliette con una grafica molto bella che stanno riscuotendo un discreto successo! Dvd e poster restano però le opzioni piu' gettonate.

Insomma, gli autori di Hula Hope mostrano di essere veramente svegli e in gamba. Il mercato cinematografico italiano ha premiato troppe volte commedie frivole e oscene, e i moltissimi esordienti e professionisti arrancano per portare alla luce opere cinematografiche che siano vere opere d'arte. Può essere la rete e il crowdfunding l'ultima speranza? Forse.

Ma quel che è certo è che Hula Hope è un progetto che merita di essere finanziato. Qui il link alla pagina su indiegogo: https://www.indiegogo.com/projects/hula-hope-a-sci-fi-shortmovie. Forza, che aspettate, donate!!!

(intervista a cura di Giuseppe Della Corte)